Il Blog di Antonia

DELEGARE O OTTIMIZZARE?

DELEGARE O OTTIMIZZARE?

Mettiamo il caso che tu abbia fatto la (saggia!) scelta di affidare l’organizzazione del matrimonio ad un professionista, hai comunque considerato che ci sono cose che non puoi totalmente delegare o, ahimè, puoi farlo solo in parte?
Parto da due spunti suggeriti proprio da una sposa che ho seguito qualche anno fa.
Abito. Prova menù.
Sono due cose quasi irrinunciabili e, chiaramente, richiedono la tua presenza. E quindi? No panic! Non puoi delegare, ma puoi ottimizzare. Vediamo come!

Partiamo dalla scelta dell’abito.

In verità qui il professionista gioca un ruolo cruciale, perché essendo addentro al mondo del wedding conosce sicuramente le tendenze, ha una buona rosa di fornitori e una bella dose di esperienza. Solitamente, dopo una bella chiacchierata con la sposa, inizio con il creare una moodboard incentrata sul suo styling. Mi vado a soffermare su tutti gli elementi che compongono il suo look, in modo da avere una visione di insieme. Questo aiuta tantissimo, perché nella scelta dell’atelier per l’abito già si può cominciare a restringere la cerchia in base allo stile che si sta cercando. Già si saprà quali marchi considerare (perché magari abbracciano il tuo stile) e quali scartare; già si avrà un’idea se si preferisce un abito su misura o confezionato. E qui, il tempo, si va ad ottimizzare sensibilmente, perché non ti obbliga a giri e ricerche inutili e deludenti. In questo modo, anche in atelier, si arriva con le idee molto più chiare ed è più facile trasmettere al fornitore cosa si sta cercando.

Diciamo che le idee sono già state elaborate e digerite in precedenza e quando si arriva “sul campo” si riesce ad avere un’attitudine molto più operativa. E, no, questo non toglie la poesia della ricerca dell’abito, non sono le emozioni ad essere messe in discussione, ma le modalità con cui si affronta una fase operativa.

ça va sans dire che tu e solo tu potrai presenziare alle prove per le modifiche o la costruzione dell’abito stesso, ma quanto tempo avrai risparmiato prima?
E’ chiaro che le casistiche sono infinite, perché l’atelier può essere nella tua città o meno, ma anche qui, chiarirsi le idee prima gioca un ruolo fondamentale per ottimizzare il tuo tempo.

Prova menu.

Anche questa sembra un’attività che imprescindibilmente può essere affrontata solo da te e dal tuo futuro marito. Vero (quasi!). Non ti nascondo che più di una volta mi è capitato di fare io la prova menù, per conto degli sposi, riferendo poi dettagliatamente con report e immagini quanto avessi assaggiato. E’ chiaro che questo presuppone una forte fiducia nei confronti della tua wedding planner, ma in effetti della tua wedding planner ti devi poter fidare!

Sono anche d’accordo però che da parte tua non è semplicissimo delegare una cosa così importante (e molto soggetta al gusto personale) e per me rappresenta un’enorme responsabilità. Da parte mia, se sento di conoscere a fondo gli sposi, è una responsabilità che mi assumo, da parte tua, anche in questo caso, la parola d’ordine è ottimizzare. Puoi chiedere al catering una prova menù dedicata (quindi non in una giornata/serata in cui tutte le coppie vengono coinvolte in questa attività). Ho notato che questa formula è vincente, perché consente a te di organizzarti una serata (da prendere anche con lo spirito di regalarsi una coccola, anziché vederla come una tappa obbligata dell’organizzazione) e rimanere al contempo molto focalizzata sull’offerta. Già da prima studia con i professionisti la strada per te più congeniale, senza perderti in qualcosa in cui non ti riconosci e non ti rappresenta. Affronta questo step con uno spirito un po’ analitico e un po’ pensando che ti stai godendo un bel momento.

Il succo di tutto questo sta nell’affrontare ogni cosa con consapevolezza e un minimo di pianificazione. Non puoi essere una vela al vento, mai durante l’organizzazione di un matrimonio, ma devi essere sempre tu a condurre la barca in porto. La tua wedding planner ti aiuterà ad incanalare gli input e trovare la strategia migliore per te, perché di questo si tratta. Potrai poi avere giornate belle serrate da dedicare a varie attività, ma vedrai che questo ti consentirà di risparmiare il tuo tempo, piuttosto che dedicare week end su week end a ricerche e giri insensati. Questo porta solo a stress, inconcludenza, litigi con il tuo partner. Pensaci!

#conamore

Antonia