Il Blog di Antonia

ORGANIZZATA Sì, DEMORALIZZATA NO!

Blog Antonia Luzi

Parti sempre super entusiasta, nessuno potrà mai negare che sei un’ottima organizzatrice e già hai pronto il tuo bellerrimo foglio Excel dove annoterai il tuo budget, ogni voce di spesa, preventivi, offerte, contatti, tempistiche, scadenze. (Aaaargh!!) Ma ben presto tutto questo inizia a stufarti. Hai già il tuo lavoro che ogni giorno ti costringe in meeting , presentazioni, deadline da rispettare e poi, diciamocelo, il matrimonio è più una questione di cuore. Sì, senza dubbio, è una faccenda di cuore, ma non sei così sprovveduta da credere di poter prendere di pancia ogni decisione. E infatti non si può. Tutto questo appare frustrante!

Ma si può trovare un punto di incontro tra passione e raziocinio, tra pianificazione e romanticismo? Io ti dico di sì. Prima di tutto perché sicuramente nella coppia ci sarà uno di voi più votato alla riflessione e l’altro all’istinto. Questa, già di per sé, è una miscela perfetta, perché darà al ragionamento un po’ di calore e infonderà sicurezza a scelte che appaiono più azzardate.

Che strumenti usare? Al bando Excel, troppo macchinoso, gran parte del tempo lo investiresti già solo nel personalizzarlo, rendendolo utile alle tue esigenze. Ti occorre qualcosa di ben fatto, ma divertente, qualcosa che puoi portare sempre con te e aggiornare quando hai tempo, viaggiando in metropolitana o in pausa pranzo. Un’agenda! (Eureka!) Giustissimo, ma non una triste noiosa agenda da contabile! La soluzione è un’agenda motivazionale, dove scrivere non solo impegni ed appuntamenti, ma anche dove trovare riflessioni, spunti, esercizi. In questo modo lo strumento utile, diventa anche divertente e si sa che, divertendoci, tutto viene meglio. Succede così che anche la lista di PRO e CONTRO apparirà meno fredda se segnata in qualcosa che ami.

Qualche suggerimento? Io adoro la Day Designer, coloratissima e funzionale, mentre se cerchi qualcosa di più spirituale ti consiglio
The Desire Map Planner di Danielle La Porte, compirai un vero viaggio dentro te stessa che ti, assicuro, in un momento così delicato e stressante, ti fortificherà.

Un altro strumento da non dimenticare mai è un piccolo quaderno. Io regalo sempre un quaderno alle mie spose, lo trovo un pensiero per riprendersi un briciolo di intimo spazio. Un luogo dove annotare pensieri, idee. Un posticino privato (ricordi il Diario Segreto che avevi da bambina?), dove confrontarsi con la propria mente e il proprio cuore.

Bene! Ora hai gli strumenti! Come fare una giusta pianificazione? Non esiste un metodo universale, no nemmeno per le wedding planner. Ognuno ha il suo, spesso frutto di un approccio esperienziale. Non ti annoierò dunque con liste del tipo “cosa fare un anno prima, un mese prima, un giorno prima”, le trovo fuorvianti e oltremodo generaliste. Pur se esistono delle regole queste non possono essere applicate ad ogni matrimonio e nemmeno alla maggior parte dei matrimoni, perché le variabili sono tantissime, diverse e spesso hanno a che fare con la personalità degli sposi, o la loro provenienza, o la loro età o condizione sociale. Ho organizzato matrimoni in un anno e mezzo e matrimoni in 3 mesi, spesso partendo da fasi diverse… potrei veramente consegnarti la regola aurea dell’organizzazione? Sarebbe anche un tantino presuntuoso, non trovi?

Posso però farti riflettere su degli errori che è importante non commettere, mentre si organizza un matrimonio. Niente di empirico: sono errori che ho visto compiere o scivoloni che io stessa, nel corso dell’esperienza, ho commesso.

  • Non pensare di conoscere il mercato matrimoniale. No, non lo conosci. Nemmeno se tua cugina ti ha presentato il fotografo top in circolazione o se sei riuscita ad ingaggiare la presunta band del momento. Il mercato matrimoniale è vastissimo, multisfaccettato, e ben lontano dal poter essere considerato un mercato locale. Se il fotografo che ti piace fa base in Toscana, perché non provare a contattarlo? I fornitori molto spesso si spostano. Fai ricerca, tanta!
  • Usa Pinterest (io lo uso e lo adoro!!), ma sappilo usare. Non andare dal tuo flower designer con una foto, dicendo: “Voglio questo!”. Spesso quanto vedi è frutto di shooting elaboratissimi e costosissimi, con budget molto lontani da quelli del matrimonio medio. E probabilmente poi quell’allestimento bellissimo mal si adatterebbe alla location che hai scelto, tutto deve essere contestualizzato, altrimenti è un pasticcio. Tenera le fila di allestimenti così elaborati non è semplice. Piuttosto usa Pinterest come ispirazione e apriti al confronto con il fornitore. Vedrai che belle idee nasceranno e sarà un qualcosa di tuo, pensato per te. Non un malfatto copia e incolla.
  • Se ti piace il fai da te, benissimo! Adoro bomboniere e segnaposto realizzati dalle spose, ma stai attenta. Devi essere bravissima a calcolare costi (spesso più alti di quanto credi) e tempi (spesso mooooolto più lunghi di quanto credi). Inoltre fai delle prove, valuta se il risultato è quanto ti aspettavi, nessuno vuole trovarsi tra le mani una bomboniera “meh”, impiastrata di colla.
  • Datti un budget. Veramente: datti un budget. Anche se si tratta di un budget alto o flessibile. Parti dal totale e ridividi tutto voce per voce. Fallo dall’inizio, poi in corso d’opera farai degli aggiustamenti. Non dimenticare i dettagli e metti a conto una voce “imprevisti”. Ritaglia una fetta già dal budget, perché capitano. Lo so, non è facile. La difficoltà sta nel non conoscere così approfonditamente il mercato e la sua offerta. Ancora: fai ricerca!

Non ti senti già più motivata? Ma sì, già sento la tua energia! Hai la tua agenda, hai un piccolo vademecum di consigli utili, sei prontissima a partire.

Se incontrassi qualche difficoltà di percorso ci vediamo qui, due mercoledì al mese li dedico alle spose come te che vogliano togliersi qualche dubbio, sarò felice di rispondere alle tue domande! E se ancora non ti basta, scopri il servizio “Un the con la sposa”, la soluzione per te possiamo trovarla insieme!

#conamore

Antonia

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Antonia Luzi Wedding & Events